COI, il Nutriscore non può penalizzare l’olio extra vergine d’oliva

165

La richiesta promossa dal Settore Nazionale dell’Olio d’oliva a Denominazione di Origine spagnolo, affinché il NutriScore conceda all’olio d’oliva vergine ed extravergine la massima classificazione nutrizionale, ha ottenuto il supporto del Consiglio Internazionale dell’Olio d’Oliva (COI).L’annuncio è stato dato dal suo direttore aggiunto, Jaime Lillo, dopo l’incontro tenutosi a Madrid con il Presidente e il Segretario Esecutivo del Settore Nazionale delle Denominazioni di Origine dell’Olio d’Oliva, Enric Dalmau e José Manuel Bajo.

Così, il COI assume la proposta delle Denominazioni di Origine dell’Olio d’Oliva in modo che questo superfood abbia la migliore classificazione nutrizionale in tutti i FOLP (etichettatura nutrizionale anteriore), ovvero classificazione A (verde scuro) per “extra vergine” e “olio d’oliva vergine”, e B (verde chiaro) per “l’olio d’oliva”.

L’incontro ha espresso la necessità di agire per cercare nuove alleanze per garantire che la classificazione nutrizionale NutriScore sia in linea con le proprietà salutari dell’olio di oliva vergine ed extravergine quando viene applicato in Spagna, presumibilmente nella seconda metà di questo 2021.

Il sistema Nutriscore funziona già in Francia, Belgio e Svizzera e ha suscitato l’interesse di paesi come la Germania e i Paesi Bassi. Utilizza un codice di cinque lettere e cinque colori (dalla A alla E e dal verde scuro all’arancione scuro) per informare i consumatori in base alla qualità nutrizionale (rispettivamente dal migliore al peggiore).

Fonte: www.teatronaturale.it