Energia: occorre Intervenire a favore del settore olivicolo nel DL aiuti bis

447

L’imminente campagna di raccolta sarà quella più dura degli ultimi anni per il settore olivicolo-oleario. È urgente inserire nel dl Aiuti Bis misure di sostegno specifiche per le aziende di trasformazione per evitare di ipotecare irrimediabilmente il futuro del comparto. 

È quanto chiediamo, quale principale organizzazione di produttori olivicoli in Italia, in vista della discussione in Aula a Palazzo Madama, prevista per il prossimo 6 settembre, del decreto-legge recante “Misure urgenti in materia di energia, emergenza idrica, politiche sociali e industriali”.

L’aumento spropositato dei costi energetici rischia di rendere insostenibile, finanziariamente e economicamente, le attività di produzione e di trasformazione per le aziende del settore olivicolo-oleario già vessate da una crisi prolungata, dall’emergenza climatica e da quella idrica. 

Parliamo di una spesa per l’energia elettrica che in alcuni casi si è addirittura quintuplicata e che obbliga le aziende a considerare solo due terrificanti ipotesi: l’indebitamento o la cessazione dell’attività. 

Per tali ragioni, chiediamo – conclude il Presidente Gennaro Sicolo – che, anche in fase parlamentare, si adottino delle modifiche in grado di dare ossigeno alle imprese mentre attendiamo soluzioni strutturali finalizzate al raggiungimento dell’indipendenza energetica di cui il Paese ha urgente bisogno.