La sottosegretaria Pesce visita alcune strutture di Italia Olivicola

203

In vista dell’incontro con il ministro delle Politiche Agricole, Alimentari, Forestali e del Turismo, Gianmarco Centinaio, gli olivicoltori pugliesi hanno incontrato il numero 2 del Mipaaft, Alessandra Pesce, che ieri è stata in visita anche a Bitonto, per un giorno, «al centro dell’olivicoltura italiana ed internazionale», come hanno spiegato da Italia Olivicola.

I responsabili della prima organizzazione di produttori olvicoli del Paese hanno infatti accompagnato il sottosegretario e una una folta delegazione proveniente dalla Giordania tra «i gioielli economici della produzione olivicola della nostra città», hanno raccontato ancora da Italia Olivicola.

«La Sottosegretaria Pesce – si legge ancora nella nota stampa – che ha annunciato proprio sabato l’incontro del 26 marzo tra i gilet arancioni ed il Ministro Di Maio, accompagnata dal Presidente di Italia Olivicola, Gennaro Sicolo, ha visitato Finoliva Global Service, l’unico centro di imbottigliamento e commercializzazione di proprietà dei produttori italiani, e la Cooperativa Produttori Olivicoli di Bitonto».

«La Pesce – aggiungono gli olivicoltori dell’organizzazione – ha particolarmente apprezzato la filiera costruita in questi anni da Italia Olivicola che riesce a portare in 43 Paesi del mondo l’olio dei produttori proveniente non solo dalla Puglia ma anche dalle altre regioni d’Italia.

La delegazione della Giordania, guidata dalla responsabile olio del Ministero dell’agricoltura e dal presidente dei produttori olivicoli, ha visitato, oltre ai gioielli della nostra olivicoltura, anche le bellezze di Bitonto. L’incontro con i giordani è stato particolarmente importante per poter rinsaldare i rapporti tra Italia e Giordania e poter contare su un alleato in più nella lotta che Gennaro Sicolo sta portando avanti nei consessi internazionali in difesa della qualità Dell’Olio extravergine d’oliva italiano.

E a tal proposito, l’appuntamento di fine aprile in Egitto sarà molto importante per il futuro del settore».