Agea, ok definitivo alla riforma

88
Via libera dal Consiglio dei ministri dopo quello della Conferenza Stato Regioni. Il riassetto voluto dal ministro Teresa Bellanova. Sin e risorse Agecontrol passano direttamente sotto il ministero

Il decreto legislativo di riforma dell’Agea ha ottenuto l’approvazione definitiva dal Consiglio dei Ministri, nella riunione del 3 ottobre 2019.

Il provvedimento è stato proposto dal Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Teresa Bellanova e su di esso si era già avuto il concerto della Conferenza Stato Regioni per cui entrerà subito in vigore non appena firmato dal Capo dello Stato Sergio Mattarella e pubblicato sulla Gazzetta ufficiale.

Il provvedimento approvato, introduce disposizioni integrative e correttive al decreto legislativo 21 maggio 2018, n. 74 sulla riorganizzazione dell’Agenzia per le erogazioni in agricoltura – AGEA e per il riordino del sistema dei controlli nel settore agroalimentare.

Le modifiche e integrazioni sono volte ad attribuire al Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali una serie di competenze in precedenza allocate in capo all’AGEA, provvedendo contemporaneamente a porre in essere le operazioni necessarie a consentire alla SIN S.p.a., nella quale dovranno confluire le risorse della AGECONTROL S.p.a., di divenire una società in house del medesimo Ministero.

La stessa SIN S.p.a. viene individuata quale possibile organo per il coordinamento gestionale del SIAN.

La Ministra Teresa Bellanova ha infatti affermato che: «In questo modo rafforziamo l’efficacia e l’operatività di AGEA, razionalizzandola, perché possa rispondere più coerentemente alle esigenze del mondo agricolo e delle imprese».

Il testo approvato chiarisce, tra l’altro, che tutti i dati raccolti per la gestione e lo sviluppo del SIAN sono di titolarità esclusiva del Ministero e anche di AGEA, regioni, province autonome di Trento e Bolzano, Organismi Pagatori.