La produzione integrata ha il suo sistema di qualità

240
Sqnpi (Sistema di Qualità Nazionale Produzione Integrata) è il segno tangibile dell’impegno del Mipaaft e di imprenditori motivati nel rilancio della produzione integrata, controllata, coordinata e riconoscibile grazie ad un accattivante brand. Chi vuole entrare a farne parte ha tempo fino a metà maggio per richiedere l’adesione

 

La produzione integrata prova a rilanciarsi in Italia con un marchio ben riconoscibile, l’impegno di imprenditori motivati, un sistema di garanzie che fa capo al ministero delle Politiche agricole e un collaudato e meccanismo di coordinamento, basato sulla competenza scientifica, per assicurare armonia tra i diversi disciplinari regionali.

Anche per il 2019 sono state infatti approvate a fine dell’anno scorso, dall’Organismo Tecnico Scientifico, le procedure di adesione, gestione e controllo del Sistema di Qualità Nazionale Produzione Integrata (Sqnpi) e le relative Linee Guida Nazionali per la redazione dei disciplinari regionali di produzione integrata e dei relativi piani di controllo riferiti all’anno di produzione 2019.

La certificazione della produzione integrata

La Legge n. 4 del 3 febbraio 2011 Disposizioni in materia di etichettatura e di qualità dei prodotti alimentari (art. 2, commi 3-9) ha istituito il Sistema di qualità nazionale di produzione integrata che prevede un processo di certificazione volto a garantire l’applicazione delle norme tecniche previste nei disciplinari di produzione integrata regionali nel processo di produzione e gestione della produzione primaria e dei relativi trasformati.

Le verifiche e la certificazione della produzione integrata vengono svolte da Organismi di controllo (Odc) sulla base dei piani di controllo regionali redatti conformemente alle Linee guida nazionali per la redazione dei piani di controllo della produzione integrata (Lgnpc).

Il documento, approvato il 4 dicembre 2018, descrive – per l’anno 2019 – le modalità di adesione e di gestione al Sqnpi, i soggetti che possono aderire, sia singoli che associati, e le tempistiche da rispettare per mantenere l’adesione al sistema stesso.

Il meccanismo dei controlli

Le linee guida riportano l’insieme dei controlli che i piani di controllo regionali devono prevedere affinché possa essere rilasciata la certificazione in merito alla conformità del processo produttivo e del prodotto alle norme tecniche previste nel disciplinare. I prodotti conformi al Sistema possono essere contraddistinti con lo specifico marchio distintivo del Sqnpi appositamente registrato.

Le attività di controllo vengono richieste dai soggetti interessati lungo tutta la filiera di produzione disciplinata, al fine di accertare la completa conformità dei processi e del prodotto.

I soggetti singoli e associati della filiera devono tenere la registrazione di tutte le loro attività. Le registrazioni, nonché tutta la documentazione relativa all’applicazione dei disciplinari di produzione integrata, devono essere conservate per almeno 3 anni e rese disponibili per i controlli di conformità del processo produttivo e del prodotto.

Per quanto riguarda le verifiche, finalizzate a riscontrare la conformità delle misure agro-climatico-ambientali, si deve tenere conto delle prescrizioni riportate nei bandi regionali e/o indicate in specifici documenti regionali.

I soggetti interessati

Gli operatori che possono aderire al sistema in forma singola o associata, appartengono a 4 categorie:

  • agricoltori;
  • condizionatori;
  • trasformatori;
  • distributori (nel caso di prodotto commercializzato sfuso).

Le domande di adesione possono essere presentate per i seguenti scopi:

  • utilizzare il marchio Sqnpi, per gli agricoltori che vogliono immettere sul mercato il prodotto con il marchio dell’agricoltura integrata;
  • dimostrare la conformità agro-climatico-ambientale, per beneficiare della misura “pagamenti agro-climatico-ambientali”, secondo le prescrizioni di alcune Regioni;
  • entrambe le motivazioni precedenti, ovvero dimostrare la conformità agro-climatico-ambientale e utilizzare il marchio SQNPI.

L’adesione Sqnpi

L’adesione viene effettuata utilizzando il sistema informativo nazionale di produzione integrata (Si). I termini di adesione sono i seguenti:

  • prima adesione al Sqnpi: 15 maggio;
  • adesione anni successivi – rinnovo: 28 febbraio può essere fatto mediante le funzioni del Si di “conferma”, nei casi in cui non vi siano variazioni particellari e colturali (colture arboree), o di “prima adesione” nei casi in cui sussistano variazioni);
  • adesione in relazione ai bandi regionali che si avvalgono della conformità Aca (misure agro-climatico-ambientali).

Il termine di adesione viene documentato da:

  • data di rilascio del protocollo della domanda da parte del Si:
  • data di invio della domanda semplificata;
  • data di adesione al Sqnpi per le domande di conformità Aca limitatamente al primo anno.

I produttori aderenti ad associazioni interregionali devono adottare il disciplinare della Regione nella quale è ubicata l’azienda.

L’adesione al sistema prevede l’obbligo che tutta la coltura sia sottoposta a regime di controllo, pena l’esclusione di tutta la coltura.

La richiesta può essere trasmessa:

  • direttamente dal soggetto richiedente come utente qualificato;
  • tramite il Caa al quale il richiedente ha conferito mandato;
  • tramite il rappresentante legale dell’associazione in caso di produttori associati (utente istituzionale).

La sottoscrizione della richiesta di accesso al sistema di controllo e certificazione del Sqnpi costituisce una presa d’atto dei contenuti dei Piani di Controllo regionali e l’accettazione dell’assoggettamento ai controlli dell’Odc e dei soggetti pubblici competenti incaricati di effettuare la vigilanza.

Idoneità degli operatori

Gli Organismi di Controllo (Odc) per la verifica di idoneità dovranno valutare in particolare, i seguenti aspetti:

  • per i produttori agricoli singoli: la sostanziale coerenza con le informazioni riportate nella domanda iniziale e la capacità di soddisfare i requisiti disciplinati con particolare riferimento alla ubicazione degli impianti di coltivazione; non esistono periodi di conversione iniziale;
  • per i produttori agricoli associati: verrà accertata la correttezza e efficacia del piano di autocontrollo da parte dell’organizzazione o associazione sui propri aderenti nel rispetto delle linee guida nazionali di controllo;
  • per i condizionatori: la disponibilità di attrezzature e impianti idonei per il confezionamento del prodotto, l’idoneità dei sistemi di gestione previsti o approntati per l’identificazione e la rintracciabilità delle produzioni;
  • per i trasformatori: la disponibilità di attrezzature ed impianti idonei per la trasformazione del prodotto, l’idoneità dei sistemi di gestione previsti o approntati per l’identificazione e la rintracciabilità delle produzioni.
  • per i distributori: l’idoneità dei sistemi di gestione previsti o realizzati per l’identificazione e la rintracciabilità delle produzioni sfuse.

Rintracciabilità

A garanzia della separazione delle produzioni gestite mediante il Sqnpi da quelle convenzionali o ordinarie, dalla raccolta e fino al condizionamento le produzioni devono essere opportunamente identificate (es. mediante cartellini, etichette, etc.) e separate, da quelle prodotte in regime diverso dal Sqnpi in modo tale da essere in ogni momento distinguibili. Se possibile si dovranno prevedere locali riservati esclusivamente allo stoccaggio delle produzioni Sqnpi.

Ogni fase del processo produttivo viene monitorata documentando input e gli output.

Particolare attenzione deve essere riservata ai lotti di prodotti la cui commercializzazione avviene allo stato sfuso. In questo modo e attraverso l’iscrizione in appositi elenchi dei produttori, dei condizionatori, dei trasformatori e dei distributori nonché attraverso la comunicazione alla struttura di controllo dei quantitativi prodotti, è garantita la rintracciabilità del prodotto. Il processo di tracciabilità dei lotti viene gestito mediante il sistema informativo nazionale di produzione integrata (SI).