L’Italia sostituisce la Spagna come principale esportatore di olio d’oliva negli Stati Uniti

223
Flags of the USA and the European Union. American Flag and EU Flag. Flag inside stars. World flag concept.

La Spagna ha cessato di essere il primo fornitore di olio d’oliva nel mercato degli Stati Uniti durante la campagna di commercializzazione 2019-2020 e si è classificata al secondo posto dopo l’Italia, secondo i dati forniti dal Consiglio oleicolo internazionale (CIO).

In questo periodo, le esportazioni spagnole di olio d’oliva e sansa di oliva sono diminuite del 34% rispetto alla stagione precedente e si sono attestate a poco più di 100.000 tonnellate.

Secondo fonti del settore, la causa fondamentale è stata l’aumento delle tariffe decretato dall’amministrazione Trump, provvedimento che non ha riguardato l’Italia, che ha venduto quasi 120mila tonnellate.

Anche le spedizioni dalla Tunisia e dal Portogallo sono salite alle stelle. Considerando la tipologia di imballaggio, il 75% delle vendite in Spagna è stato effettuato sfuso mentre nel caso dell’Italia la maggior parte delle sue spedizioni sono avvenute in container inferiori ai 18 chili.

Fonte: www.agropopular.com