NUTRI-SCORE, continua la polemica

152

Ormai sappiamo che il sistema di etichettatura alimentare Nutri-Score non favorisce l’olio extra vergine di oliva, anzi lo classifica alla pari con alcune bibite senza zucchero. I produttori di olio d’oliva italiani e spagnoli sono preoccupati per la diffusione di Nutri-Score in Europa e le potenziali conseguenze della sua interpretazione errata da parte dei consumatori.

Il sistema Nutri-Score potrebbe danneggiare l’extravergine principalmente nei paesi dove non c’è coltivazione di olio d’oliva. L’algoritmo ha classificato l’olio d’oliva nella categoria alimentare C consigliata per il consumo occasionale.

Il NutriScore è un sistema di etichettatura nutrizionale della parte anteriore della confezione che classifica gli alimenti nelle categorie dalla A alla E in base al loro valore nutrizionale.

Queste categorie sono rappresentate da un semaforo: A, verde scuro, sarebbe la migliore, mentre E, rossa, sarebbe la peggiore. Il sistema valuta gli alimenti in base alla loro qualità nutrizionale per 100 o 100 ml.

Agli elementi considerati “sfavorevoli” viene assegnato un punteggio su una scala da 0 a 10, mentre a quelli considerati favorevoli viene assegnato un punteggio su una scala da 0 a 5. Gli elementi favorevoli sarebbero proteine, fibre e vitamine. Gli alimenti ricchi di questi elementi otterranno valutazioni “verdi” (A, B e C). Gli elementi sfavorevoli sarebbero gli zuccheri semplici, i grassi saturi, il sale e le calorie totali. Gli alimenti con un’alta percentuale di questi elementi segneranno “arancione e rosso” (D ed E). Come ad esempio tutti i prodotti da forno industriali e gli snack salati.

Con poche eccezioni (erbe aromatiche, tè, caffè, lieviti, ecc.), tutti i prodotti trasformati e le bevande sono interessati dal Nutri-Score.
I prodotti non trasformati come frutta e verdura fresca o pesce fresco non sono interessati, così come le bevande alcoliche.
Mentre il Nutri-Score si applica solo agli alimenti con più di un ingrediente, l’olio d’oliva è stato classificato.
La grande famiglia dell’olio d’oliva ha ottenuto la lettera C per il suo contenuto di grassi e occorre puntualizzare che gli alimenti di categoria C sono consigliati per il consumo occasionale. Che mette l’olio d’oliva al di sotto di prodotti trasformati come Coca-Cola Zero, che ha ottenuto la lettera B.
L’algoritmo che sta alla base di Nutri-Score è stato creato con l’obiettivo di regolamentare la pubblicità rivolta ai bambini. Il Consiglio Superiore della Sanità Pubblica della Francia ha cambiato i criteri per arrivare a un algoritmo che dia risultati più coerenti per qualsiasi prodotto. Nel 2019, gli oli di oliva e di noce erano già stati riclassificati dalla Direzione Generale della Salute (DGS) dalla lettera D alla C.
Ma la Spagna chiede di cambiare la classificazione dell’olio d’oliva cambiando l’algoritmo degli oli vegetali.
Oggi l’olio d’oliva, indipendentemente dal nome commerciale o dal metodo di estrazione, è elencato sotto la lettera C per il suo contenuto di grassi. Ciò significa che un olio d’oliva vergine estratto mediante processi meccanici è, per il sistema Nutri-Score, allo stesso livello di un olio d’oliva che proviene da un processo di raffinazione.
I paesi che già applicano questo sistema – Francia, Germania e Paesi Bassi – hanno espresso alla Spagna il loro parere favorevole che l’olio d’oliva esca da questo sistema di etichettatura.  Ma in un’intervista del luglio 2020 con la rivista Olive Oil Times, Serge Hercberg, professore di nutrizione all’Università di Parigi e capo del team che ha progettato il Nutri-Score, affermò: “[La C per l’olio d’oliva] è il miglior punteggio possibile per i grassi aggiunti e anche per gli oli vegetali “,” Le raccomandazioni di sanità pubblica non suggeriscono di consumare olio d’oliva senza limiti, ma incoraggiano i consumatori a privilegiarlo rispetto ad altri oli vegetali e soprattutto grassi animali”.
A queste affermazioni risponde Anna Cane, chimico farmaceutico e presidente dell’Associazione italiana industrie olearia (Assitol):”Al contrario, la sua classificazione semplicistica potrebbe persino allontanare i clienti da alimenti che hanno così tanti benefici per la salute“.

Al metodo Nutriscore Cosa vengono criticate diversi punti, tra i quali: 
  • Il metodo di estrazione non è differenziato (solo processi meccanici vs. industriali)
  • Non evidenzia la presenza di grassi sani come gli acidi grassi monoinsaturi
  • Il contenuto di antiossidanti naturali non viene preso in considerazione
  • Alcuni prodotti altamente industriali ridotti in elementi sfavorevoli meglio classificati
  • Studi scientifici e benefici scientificamente provati non contano eccetera …
Il discorso e gli sforzi sull’importanza della scelta dei grassi buoni, l’importanza dei lipidi nella nostra dieta per il corretto funzionamento del nostro organismo, il ruolo degli antiossidanti naturali, i processi meccanici senza prodotti chimici o le alte temperature per mantenere intatte le proprietà nutrizionali e aromatiche,… sono completamente annullati da questo tipo di sistema troppo generale che non tiene conto dei benefici provati, degli ANC, della tipicità di ogni famiglia di alimenti e in ogni famiglia delle diverse categorie.
Diverse entità nel settore olivicolo spagnolo hanno creato una campagna attraverso la piattaforma di firma change.org per portare l’olio extra vergine di oliva alla categoria più alta (A).
L’etichettatura frontale dei prodotti è attualmente volontaria in Europa. Nessun paese può, in questo momento, obbligare i produttori a fornire queste informazioni sulla parte anteriore della confezione, sebbene alcune società di distribuzione abbiano iniziato a implementarle.
In ogni caso, l’intenzione della Commissione Europea è quella di orientarsi verso un’etichettatura comune e obbligatoria su tutto il territorio nel 2022.