NutrInform battery, presentato in Spagna il sistema italiano di etichettatura nutrizionale

58

Il 6 luglio ultimo scorso, a Madrid si è tenuto un convegno, organizzato dall’Ambasciata italiana e da Federalimentare, durante il quale è stato presentato il sistema di etichettatura nutrizionale NutrInform Battery.

Questo sistema è stato sviluppato dai Ministeri della Salute, dello Sviluppo Economico, dell’Agricoltura e degli Affari Esteri, insieme agli esperti di nutrizione dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS), al Consiglio per la Ricerca Economica e Alimentare (CREA), nonché da rappresentanti dei sindacati dell’agro-filiera alimentare e dei consumatori.

Il sistema è stato integrato con una App di recente sviluppo in grado di fornire ai consumatori, attraverso gli smartphone, tutte le informazioni relative agli apporti nutrizionali del prodotto da acquistare aiutandoli a fare scelte alimentari più sane e a seguire una dieta equilibrata.

Il NutrInform Battery basa i suoi dati sulle porzioni giornaliere raccomandate per soggetto permettendo scelte corrette che il consumatore può fare in maniera autonoma e consapevole.

Nella presentazione del sistema e della sua APP, tra i relatori, Luca Piretta, docente di gastroenterologia e dottore in Nutrizione alla Sapienza Università di Roma, ha affermato che “dobbiamo cercare un sistema che sia oggettivo, non che soddisfi gli algoritmi… Ogni macronutriente ha il suo ruolo. Dobbiamo tendere ad una corretta alimentazione, non a diete bizzarre per dimagrire, e far sì che questo non sia l’unico obiettivo. Nessun alimento deve essere demonizzato ma bisogna puntare ad una alimentazione varia”.

Da parte sua, Riccardo Guariglia, ambasciatore italiano in Spagna e Andorra, ha sottolineato “la rilevanza della proposta italiana, basata sulla centralità del consumatore e dei suoi diritti nonché sull’educazione al consumo responsabile e cosciente, al contrario di quanto avviene con il sistema del nutriscore”, augurandosi che “… i governi di Spagna e di altri paesi lavorino insieme, perché l’etichettatura degli alimenti è una preoccupazione universale”.

La proposta italiana si basa sull’educazione delle persone al consumo responsabile e consapevole, non su proposte cromatiche che portano all’errore. “Sia il rosso che il verde sono ‘pericolosi’ perché distolgono l’attenzione e quei valori danneggerebbero gravemente la nostra Dieta Mediterranea” ha aggiunto in chiusura il nostro ambasciatore.

Presto l’Unione Europea dovrà optare per un sistema di etichettatura comune con l’obiettivo di ridurre la tendenza all’obesità – triplicata negli ultimi anni – per prevenire numerose altre malattie, e diverse sono le soluzioni candidate e non tutte oggettive e non discriminatorie come il NutrInform Battery.

La redazione

 

Fonte: www.olimerca.com;  https://ambmadrid.esteri.it/

 

 

 

Nella presentazione del sistema e della sua APP, tra i relatori, Luca Piretta, docente di gastroenterologia e dottore in Nutrizione alla Sapienza Università di Roma, ha affermato che “dobbiamo cercare un sistema che sia oggettivo, non che soddisfi gli algoritmi… Ogni macronutriente ha il suo ruolo. Dobbiamo tendere ad una corretta alimentazione, non a diete bizzarre per dimagrire, e far sì che questo non sia l’unico obiettivo. Nessun