Olio d’oliva, qual è la differenza tra antiossidanti e polifenoli?

1238
olio
Molti dei frutti e delle verdure che consumiamo contengono un gran numero di composti fondamentali per la vita. Uno di questi tipi di composti è noto come antiossidante. Perché gli antiossidanti sono così importanti per la nostra salute? Per capire meglio, occorre prima capire e apprezzare come i nostri corpi producono energia dal processo di ossidazione.
L’ossidazione è un processo naturale utilizzato dalle nostre cellule per creare energia dall’ossigeno che inaliamo. Mentre l’energia viene prodotta nelle nostre cellule, alcune molecole di ossigeno (note come radicali liberi dell’ossigeno o specie reattive dell’ossigeno) vengono prodotte come sottoprodotto di questi processi.

Questi radicali liberi dell’ossigeno possono danneggiare le cellule ed il DNA quando sono in alta concentrazione. Il danno continuo da radicali liberi dell’ossigeno, spesso definito stress ossidativo, può portare a varie condizioni tra cui:
Varie forme di cancro
Malattie cardiovascolari
Diabete
osteoporosi
Il morbo di Alzheimer
Demenza
Rughe associate all’età

Sfortunatamente, la produzione di questi prodotti chimici dannosi è talvolta migliorata dall’ambiente in cui viviamo. Diversi stili di vita, stress e fattori ambientali dimostrati per aumentare la produzione di radicali liberi dell’ossigeno includono (ma non sono limitati a):

Fumo di sigaretta
Consumo di alcool
Livelli elevati di zucchero nel sangue
Inquinamento dell’aria
Elevata assunzione di grassi polinsaturi
Eccessiva esposizione alle radiazioni ultraviolette
Varie infezioni batteriche o virali
Carenza di antiossidanti

Quindi, come si adattano gli antiossidanti al grande schema dei nostri corpi e della nostra salute? Gli antiossidanti sono sostanze chimiche note come “spazzini molecolari” che aiutano a neutralizzare i radicali liberi dell’ossigeno, prevenendo così lo stress ossidativo. Esistono centinaia di antiossidanti noti, alcuni dei quali consumiamo nelle nostre diete quotidiane:
Vitamina A
Vitamina C
Vitamina E
Selenio
Manganese
Carotenoidi
e .polifenoli!
I polifenoli sono un tipo di antiossidante prodotto dalle piante in genere a difesa delle radiazioni ultraviolette o di agenti patogeni estranei che possono minacciare la salute generale della pianta. I polifenoli forniscono anche ai nostri sensi l’amarezza, l’odore, il colore e il sapore che percepiamo quando consumiamo tipi specifici di cibo, in particolare frutta e verdura.

I polifenoli sono di grande interesse sia per gli scienziati che per i nutrizionisti per le loro funzioni antiossidanti e per la prevenzione di varie malattie. Il campo della ricerca sui polifenoli, e in particolare il meccanismo delle loro funzioni antiossidanti, rimane un’area molto fertile della ricerca scientifica. Un tipo di polifenolo di interesse per questa particolare discussione sono i polifenoli di oliva.

L’olio d’oliva, noto per essere ricco di grassi monoinsaturi e polifenoli, è un componente chiave di molte diete. Gli oli extra vergine di oliva hanno il maggior numero di antiossidanti e polifenoli presenti e, a seconda della quantità di polifenoli, possono influenzare il sapore dell’olio di oliva.

A causa della sua maggiore concentrazione di polifenoli, l’olio extra vergine di oliva acquista più sapori delle altre tipologie d’olio.
Il contenuto di polifenoli nelle olive può essere influenzato da una serie di fattori che includono:
Clima in cui è cresciuto (correlato all’altitudine, alla quantità di precipitazioni e alla quantità di irrigazione)
Fase di maturazione del frutto
Resa di frutta per albero
Condizioni di estrazione per i polifenoli
Tempo trascorso in condizioni di conservazione e conservazione
Mentre ci sono molti tipi di polifenoli di oliva, gran parte della ricerca fino a questo punto si è concentrata su tre:

l’idrossitirosolo, un composto fenolico presente nell’olio d’oliva, è stato identificato come uno dei più potenti antiossidanti presenti nell’olio d’oliva e può aiutare a ridurre il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2;
l’oleuropeina, un altro polifenolo antiossidante trovato nell’olio d’oliva, ha anche dimostrato di essere abbastanza efficace nell’eliminazione di vari batteri e virus che infettano l’uomo;
l’oleocantale, con effetti antinfiammatori e antiossidanti simili alle azioni dell’ibuprofene e, pertanto, può aiutare a ridurre la gravità di diverse malattie infiammatorie croniche.

Precedenti studi hanno anche dimostrato che questi polifenoli derivati ​​dagli oli di oliva vergini (e non dall’olio di girasole) proteggono dalle malattie coronariche prevenendo l’ossidazione della molecola che trasporta il colesterolo nota come lipoproteina a bassa densità.
(Spesso si afferma che la cottura degradi i polifenoli e) diversi metodi culinari possono ridurre la quantità di polifenoli nelle verdure. Gran parte di questa perdita è dovuta alla temperatura più alta usata per la cottura con olio extra vergine di oliva piuttosto che al tempo usato per la cottura stessa.

Fortunatamente, non tutti i polifenoli e le loro funzioni antiossidanti vengono persi.
Gli studi hanno dimostrato che questi polifenoli migrano tipicamente dall’olio di oliva alle verdure che vengono cotte.

È anche importante notare che mentre alcuni credono erroneamente che non si dovrebbe cucinare con olio extra vergine di oliva, è stato dimostrato di essere uno degli oli da cucina più stabili.

Conclusione

I benefici del consumo di polifenoli vegetali naturali sono noti da un po ‘di tempo. La ricerca suggerisce che questi polifenoli possono ridurre la morbilità e rallentare la progressione di diversi tipi di cancro, malattie neurodegenerative e malattie cardiovascolari. L’oleuropeina, l’idrossitirosolo e altri composti polifenolici sono abbondanti nell’olio d’oliva. E mentre alcuni polifenoli di oliva potrebbero andare persi in cucina, non tutti lo sono … e ciò che rimane è il 100% in più di quello che troverai in altri oli da cucina.

Pertanto, un aumento del consumo di olio d’oliva e di altri prodotti vegetali che contengono un’abbondanza di polifenoli sembra una scelta saggia per coloro che desiderano migliorare la loro salute generale.
Autore
Ryan Wynne
(Il dottor Ryan Wynne è professore di biologia al St. Thomas Aquinas College. Ha conseguito il dottorato di ricerca in biochimica presso la Lehigh University e si è formato come ricercatore post-dottorato presso l’Università di Rochester).