Olio novello, una dicitura priva di valore legale

48

FoodCulture riprende sul suo sito una questione che da tempo insospettisce tutti: l’olio novello. www.foodculture.tiscali.it

Ma cos’è esattamente l’olio novello? Poiché sta avendo sempre maggiore diffusione sul mercato è giusto parlarne.

Novello sa di fresco, naturale, appena prodotto, con proprietà speciali. Ed è questo a dargli fascino presso i consumatori. Peccato che quell’etichetta non abbia nessun valore legale.

Ma Teatro Naturale ne ha parlato già nello scorso novembre, con un’intervista di Maurizio Pescari ad Alfredo Marasciulo, Panel Leader di concorsi internazionali, consulente in materia di tecniche estrattive, analisi sensoriale ed etichettatura.

Come è normato da regole ben precise di produzione ed etichettatura il ‘Vino Novello’, è giunta l’ora che anche l’olio nuovo si dia delle regole” afferma Marasciulo che così continua “Qualcosa dobbiamo pur fare perché la dicitura in etichetta “Olio novello” non ha alcun valore legale, qualunque olio appena prodotto è novello e ciascuno lo interpreta a suo uso e consumo, vedi olio novello ovunque”. www.teatronaturale.it

Quindi, tirando le fila, le diciture sull’etichetta sono normate e, tra queste, non vi è quella di ‘olio novello’, tesa solo a portare fuori strada il consumatore, così come, per esempio, immagini di siti o regioni che facciano pensare a una specifica provenienza senza essere né DOP né IGP.

Vale sempre l’antica popolare dicitura ‘vino vecchio e olio nuovo’ e l’olio è nuovo o novello ad ogni annata olearia.

Forse occorrerebbe rimodulare l’etichettatura degli olii di oliva, rendendola più chiara, più semplice così com’è quella relativa ai vini. Questo tutelerebbe non solo i  produttori ma anche i consumatori finali che, oggi, raramente leggono l’etichetta perdendosi nei meandri delle diverse diciture.