Queste le varietà che segneranno il passaggio all’oliveto superintensivo

44
Che sia intensivo o in siepe, è chiaro, da anni, che il futuro dell’oliveto si sta dirigendo verso sistemi ad alta densità di impianto.

Non sorprende che, secondo i dati dell’Indagine sulle aree coltivate e le rese in Spagna (Esyrce), la maggior parte degli oliveti in Andalusia ha una densità superiore a 80 pl / ha.
Tuttavia, a livello nazionale, in Spagna solo lo 0,5% della superficie supera le 2.000 piante per ettaro, cioè viene coltivato in sistema superintensivo o in siepe, quindi la strada da percorrere è ancora lunga.
Ed è che questo tipo di sistema produttivo, all’interno dei suoi grandi vantaggi che lo rendono inarrestabile, ha un handicap importante, soprattutto quando si tratta di commercializzare oli con valore aggiunto e differenziante: la mancanza di varietà ottimizzate per la coltivazione in alta densità.
È proprio questo il grande problema che cerca di risolvere il gruppo UCOLIVO, dell’Università di Córdoba, che, insieme a Ifapa, lavora da tempo per ottenere varietà di olive più produttive e resistenti alle malattie.
L’agronomo Diego Cabello, ingegnere di detto gruppo di ricerca, è stato incaricato di consegnare la presentazione “Nuove varietà di olivi e prove di oliveti in siepe“, all’interno del ciclo di Encuentros Oleoestepa.
Per un agricoltore, la cosa fondamentale è che una varietà produca prima, che abbia poco vigore e dimensioni compatte per facilitare la raccolta meccanizzata“, ha ricordato Cabello, che ha precisato che, molte delle prove effettuate all’interno del gruppo di ricerca, sono servite a sottolineare che “più irrigazione non è sempre meglio“.
È meglio non annaffiare per contenere la pianta e non perdere il suo vigore, il massimo che diamo è di 2.000 metri cubi per ettaro“, ha precisato.
Riferendosi al suo ultimo saggio, Diego Cabello ha riassunto le principali varietà attualmente utilizzate in superintensivo, e quelle che stanno per diventare frequenti.
Spicca ovviamente l’Arbequina, la varietà più utilizzata, piccola e produttiva; e l’Arbosana, che guadagna sempre più terreno perché più produttiva e meno vigorosa dell’arbequina, sebbene con il contrappunto che è tardiva.
Dopo loro, proprio UCO e Ifapa sono stati gli allevatori di Sikitita, la prima varietà di olivo creata appositamente per l’oliveto siepe, che funziona in modo molto soddisfacente. Da parte sua, il Koroneiki è molto produttivo, ma viene scartato a causa del suo grande vigore. E, di recente, le due organizzazioni di ricerca hanno ampliato il loro catalogo di varietà, incorporando Sikitita II e Martina.
La varietà Sikitita II ha un vigore molto basso e un portamento compatto perfetto per una coltivazione superintensiva e per risparmiare sui costi di potatura, come dettagliato da Cabello. Inoltre la sua entrata in produzione è precoce, e la maturazione dei frutti è molto precoce, diventando la prima varietà ad essere raccolta, anticipando di 3-4 settimane la varietà Arbequina.
La varietà Martina è invece di media vigoria, simile all’Arbequina, quindi è valida per diversi sistemi di impianto. Ha un inizio di produzione precoce, con una produttività costante e un raccolto medio. Ha anche un alto contenuto di acido oleico e polifenoli, simile al Picual (da cui è nato).
Le varietà ‘tradizionali’, Arbequina e Arbosana, possono superare il resto in chili di olio, ma non in chili di olive, poiché la loro resa in grasso è maggiore“, ha affermato l’agronomo all’incontro di Oleoestepa.

Ulteriori informazioni su questo testo di origine

Per avere ulteriori informazioni sulla traduzione è necessario il testo di origine
Invia commenti