Sol d’Oro, l’olio italiano vince 15 medaglie su 18

38

È stata una edizione memorabile quella di Sol d’Oro Emisfero Nord appena conclusa a Veronafiere, per il valore generale dei 310 campioni presentati da sette Paesi, che ha reso ancora più impegnativo il lavoro dei 15 panelist internazionali al lavoro per la scelta dei vincitori.

Sol d’Oro è il concorso oleario internazionale in blind tasting più importante al mondo che, dal 2002, si svolge a Verona ogni anno a febbraio come anteprima di Sol&Agrifood, il Salone internazionale dell’olio extravergine di oliva e dell’agroalimentare di qualità.

Arrivata alla sua diciottesima edizione, la manifestazione ha lo scopo di evidenziare la migliore produzione oleicola, farla conoscere ai consumatori e agli operatori, presentare al pubblico gli oli d’oliva extravergini tipici nella loro varietà, specialmente connessa all’origine geografica, e stimolare lo sforzo delle aziende inteso al continuo miglioramento qualitativo dei prodotti.

Sulle 18 medaglie totali assegnate (Sol d’Oro, Sol d’Argento e Sol di Bronzo) nelle cinque categorie oli extravergine fruttato intenso, medio, leggero, monovarietali e biologico e Absolute Beginners ben 15 sono andate all’Italia e solo 1 rispettivamente a Spagna, Grecia e Slovenia. Dominio dell’Italia anche nelle Gran Menzioni, assegnate a quegli oli che hanno ottenuto un punteggio maggiore o uguale a 70/90mi dove oltre a Spagna, Grecia e Slovenia hanno ricevuto riconoscimenti anche Croazia e Portogallo.

La qualità era talmente alta che abbiamo il rammarico di non aver potuto premiare tutti gli oli che lo avrebbero meritato. Nelle finali di tre categorie abbiamo addirittura dovuto ricominciare da capo perché nella somma dei giudizi continuavano ad esserci degli ex equo”, afferma Marino Giorgetti, capo panel del concorso.

L’impegno di Veronafiere per valorizzare e promuovere l’olio extravergine di oliva di qualità parte dagli anni ’90 e nel tempo, mettendo al centro Sol&Agrifood, abbiamo realizzato un vero e proprio sistema a servizio dei piccoli e medi produttori attivo tutto l’anno, formato da Sol d’Oro Emisfero Nord ed Emisfero Sud, Evoo Days e Sol Int’l”, spiega Giovanni Mantovani, direttore generale di Veronafiere.

I campioni iscritti a questa edizione di Sol d’Oro provenivano da Italia, Spagna, Portogallo, Grecia, Slovenia, Croazia e Cile; quest’ultima pur appartenendo all’emisfero sud non perde l’occasione per misurarsi con i produttori dell’emisfero nord secondo il regolamento del concorso gemello che si svolge ogni anno a settembre nell’emisfero australe.

La visibilità rispetto a buyer e consumatori è la peculiarità che rende interessante partecipare a Sol d’Oro, che è diventato nel tempo un vero e proprio strumento di marketing per gli oli vincitori e per quelli insigniti di gran menzione.

Sono molte inoltre le attività promozionali che vengono dedicate agli oli vincitori delle due edizioni di Sol d’Oro (Emisfero Nord ed Emisfero Sud) durante Sol&Agrifood in programma dal 19 al 22 aprile (www.solagrifood.com): dalla realizzazione e distribuzione ai buyer e ai giornalisti italiani ed esteri della guida “Le stelle del Sol d’Oro” in quattro lingue (italiano, inglese, cinese e giapponese); alla presentazione degli oli vincitori nell’area Self Tasting; a un grande walk around tasting, oltre alle due degustazioni guidate rivolte agli operatori specializzati in arrivo da 130 Paesi.
Grazie al Sol Int’l, infine, gli oli vincitori vengono promossi sui mercati asiatici al Sol Int’l Evo Oil Show all’International Wine & Spirit Fair di Hong Kong e all’Olive Oil Kansai di Osaka in Giappone.

 

Fonte: www.horecanews.it