Spagna, dal remolido al deodorato. Una bozza per l’olio d’oliva

1772
olio

Il governo spagnolo vuole rivedere la normativa nazionale sull’olio di oliva attraverso un Regio decreto che è ancora in bozza, per poter essere discusso con le parti interessate.

Nella bozza viene istituzionalizzato l’utilizzo delle dizioni leggero e intenso per l’olio di oliva. Pertanto, gli oli d’oliva, contenenti olio d’oliva raffinato e olio d’oliva vergine, potranno utilizzare nell’etichettatura i termini leggero e intenso in base alle percentuali di olio d’oliva vergine. Il termine leggero si applicherebbe solo quando il contenuto di olio d’oliva vergine è inferiore al 25 per cento.

Sarà vietato l’uso del termine “vergine” o “extra vergine” sull’etichettatura dei prodotti alimentari aventi un aspetto oleoso che possa essere confuso con gli oli d’oliva contemplati dalla presente norma, come gli oli, i condimenti, i condimenti, le preparazioni a base di grassi o prodotti analoghi. Tale divieto non incide sull’elenco degli ingredienti del prodotto in questione.
Sarà espressamente vietato il trasferimento o il riempimento di contenitori o confezioni di olio d’oliva o di olio di sansa d’oliva in esercizi di ristorazione collettiva.

Veniamo ora alle misure che potrebbero avere un maggiore impatto sul settore.

Ai frantoi, ai depositi e agli imballatori sarà fatto divieto di disporre di impianti e mezzi tecnici specifici per la deodorazione e/o per qualsiasi altra fase o forma di raffinazione dell’olio.

Ai frantoi sarà vietato ricevere o trasformare la sansa di altri frantoi o le olive o sarmenti delle piante che hanno subito trattamenti non consentiti per la produzione di olio d’oliva vergine o di olio di tali piante, o qualsiasi altra materia prima per la produzione di olio diversa dal frutto dell’olivo.

Sarà vietato il trattamento degli oli con aria, ossigeno, ozono o altre sostanze chimiche ossidanti, ad eccezione di quello necessario per il pompaggio durante il travaso, l’inertizzazione di contenitori e serbatoi e l’omogeneizzazione con azoto o altri gas inerti.

Sarà vietata la detenzione o la manipolazione in impianti destinati all’estrazione, alla raffinazione, all’imbottigliamento o al magazzinaggio di olio d’oliva e di olio di sansa d’oliva, di glicerolo, di grassi o oli animali, vegetali, industriali o sintetici e di qualsiasi sostanza non autorizzata, il cui impiego non sia né autorizzato né giustificato.

Nei frantoi, sarà proibita la ricentrifugazione in un processo non continuativo delle masse provenienti dagli impianti per l’ottenimento di olio d’oliva vergine. La ricentrafugazione di masse provenienti da impianti di produzione di olio di oliva vergine può essere effettuata solo dopo la loro termoblazione in un processo continuo e in nessun caso possono essere ricentrati masse o sanse provenienti da serbatoi o bacini di stoccaggio.

Fonte: www.teatronaturale.it