Un quinto dell’Italia a rischio desertificazione, avvertono gli esperti di irrigazione

181

La crisi della desertificazione in Italia è iniziata nelle regioni meridionali del Paese negli ultimi decenni, ma ora sta iniziando a diffondersi verso nord. Secondo le più recenti stime dell’associazione consorzi irrigui Anbi, l’innalzamento delle temperature, gli eventi meteorologici estremi e la fragilità idrogeologica minacciano il 20 per cento dell’Italia.

I bassi livelli d’acqua di alcuni laghi e fiumi preoccupano le comunità locali mentre le conseguenze della crisi idrica colpiscono sempre di più l’agricoltura.

Quello che stiamo vedendo è la crisi che si dirige a nord“, ha detto Francesco Vincenzi, presidente di Anbi Olive Oil Times. “Negli ultimi decenni sono stati fatti investimenti per aumentare la capacità di resilienza delle regioni meridionali a rischio come la Sardegna, la Puglia o la Basilicata mentre i territori settentrionali erano percepiti come sicuri”.

Oggi la situazione è cambiata, il cambiamento climatico ha mostrato cosa significano siccità e scioglimento dei ghiacciai. Anche un solo grado Celsius in più della media significa guai per la disponibilità di acqua per l’agricoltura e per i volumi dei fiumi».

Un po’ più a nord, Arpa stima che tra il 30 e il 50 per cento dell’Abruzzo sia a rischio desertificazione. Non lontano, parti dell’Umbria e della Toscana stanno vivendo la siccità e le temperature più elevate mentre aumenta il rischio di desertificazione in queste due regioni impregnate di olio d’oliva.
Marco Neri, presidente della sezione toscana di Confragricoltura, ha parlato in un comunicato stampa della necessità di “condurre la nostra ricerca scientifica verso lo sviluppo dell’agricoltura con piante capaci di resistere alla siccità“.
Vincenzi ha aggiunto: “Sprechiamo quasi il 90 per cento di quell’acqua poiché non possiamo trattenere più dell’11 per cento delle precipitazioni».
L’Anbi stima inoltre che il 42 per cento di tutta l’acqua potabile versata negli acquedotti pubblici italiani vada persa a causa della scarsa manutenzione. In Emilia-Romagna le precipitazioni totali non hanno raggiunto la metà della media annua nel 2021, mentre le temperature più elevate e la perdita di volume del fiume Po hanno moltiplicato i danni arrecati all’agricoltura.

L’Anbi ha calcolato che attualmente l’Italia riceve cinque miliardi di metri cubi d’acqua meno di 50 anni fa. “Eppure, il problema più grande dell’Italia non è la riduzione delle precipitazioni; è il modo in cui piove “, ha detto Vincenzi.
Se potessimo trattenere più acqua, potremmo ridurre il rischio idrogeologico, creare riserve idriche da utilizzare durante la siccità sia per l’agricoltura che per la popolazione e persino schierare una nuova arma contro gli incendi boschivi“, ha aggiunto.