Xylella fastidiosa arriva nella terza regione francese

42

Xylella fastidiosa è stata rilevata per la prima volta nella regione francese meridionale dell’Occitania, secondo il ministero dell’Agricoltura, dell’agroalimentare e delle foreste del paese. Il micidiale patogeno vegetale è stato scoperto in una pianta di lavanda ornamentale che veniva venduta in un negozio di giardinaggio. La malattia è stata rilevata durante i controlli di routine effettuati dalle autorità nel mese di agosto.

Sono state prese misure precauzionali immediate, inclusa la sospensione di tutta la commercializzazione delle piante da questo stabilimento, mentre il trattamento fitosanitario è stato applicato all’intero sito“, ha detto il ministero in un comunicato stampa. È stato stabilito un perimetro con un raggio di 2,5 chilometri (1,5 miglia) attorno al sito al fine di prevenire qualsiasi diffusione della malattia“.

L’indagine sulla tracciabilità è in corso per determinare l’origine dell’infezione“, ha aggiunto il ministero. Una serie di campioni viene prelevata da tutte le altre piante sensibili ai batteri presenti nell’area infetta per determinare l’entità dell’infezione.

Finora, più di 200 campioni sono stati raccolti dalla regione e inviati ai laboratori statali per essere testati.

Le autorità locali della prefettura di Aude, dove è stata trovata la lavanda infetta, hanno anche invitato i residenti a riferire se hanno acquistato materiale vegetale dal negozio di giardinaggio nei due anni precedenti.

Il ministero ha inoltre confermato l’attivazione del protocollo di contenimento della Xylella dell’Unione Europea. Ciò significa che nelle aree potenzialmente infette, tutte le piante vulnerabili alla malattia verranno rimosse e distrutte in modo permanente.

Le autorità statali e locali sono particolarmente preoccupate per questa epidemia più recente poiché l’Occitania è un importante produttore di olive da tavola, olio d’oliva, vino e molti altri prodotti agricoli.

Nel 2016, la regione ha prodotto oltre il 25% dell’olio d’oliva raccolto in Francia ed è responsabile della metà della produzione di olive da tavola del paese.