Xylella, i gilet arancioni al Premier Conte: “Chiediamo interventi concreti ed immediati per ripartire”

110

Totale eradicazione delle piante infette, reimpianti, utilizzo dei fondi Cipe stanziati esclusivamente per ripristinare le potenzialità produttive, un piano straordinario di ristrutturazione dell’olivicoltura salentina da 500 milioni di euro, l’anticipazione dei premi Pac per dare liquidità immediata alle aziende, la nomina di un commissario con poteri straordinari per gestire l’emergenza xylella.

È quanto hanno chiesto gli olivicoltori, che da ieri occupano con i trattori piazza Mazzini a Lecce, al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte durante l’incontro di questa mattina.

La delegazione si è presentata all’incontro con il gilet arancione, simbolo della crisi dell’olivicoltura pugliese dal Salento alla Provincia di Foggia.

Un gilet è stato donato al Presidente del Consiglio affinché tenga sempre a mente l’emergenza xylella per poter arrivare ad una soluzione definitiva.

“Abbiamo chiesto al Presidente del Consiglio, che ringraziamo per la sensibilità, interventi concreti che guardino al riscatto dell’olivicoltura salentina – ha sottolineato Gennaro Sicolo, Presidente di Italia Olivicola che ha rappresentato le istanze degli olivicoltori -. Il Ministro Centinaio e la sottosegretaria Pesce hanno fatto un buon lavoro col decreto, che è stato un primo risultato tangibile delle proteste, adesso il testo va modificato e rinforzato per poter finalmente dare risposte concrete ed immediate a migliaia di aziende in ginocchio”.

“Non vogliamo sogni, ma pretendiamo una solida realtà per poter costruire l’avvenire di questa terra e poter combattere finalmente il flagello xylella”, ha concluso Sicolo.