Xylella: eradicazioni volontarie a Taranto

48

Eradicati i primi ulivi colpiti da Xylella nel Tarantino, nei territori di Crispiano e Montemesola, dove i proprietari hanno seguito volontariamente le disposizioni dell’Osservatorio Fitosanitario Regionale, i cui ispettori hanno segnalato le piante infette.

Lo sottolinea Confagricoltura Taranto, rilevando che questo “è il primo risultato del raddoppio del monitoraggio, disposto dagli uffici regionali” nel controllo della batteriosi da Xylella Fastidiosa.

“Per Confagricoltura Taranto eradicare i propri ulivi è un atto doloroso ma di grande responsabilità” e prosegue: “I proprietari – spiega Luca Lazzàro, presidente di Confagricoltura Puglia – hanno fatto in pieno il loro dovere, ripulendo completamente l’area e sottoponendola ai trattamenti. Ora, però, ci aspettiamo altrettanto senso di responsabilità delle istituzioni nel rendere ancora più efficaci i controlli e nel procedere celermente con gli stanziamenti per i reimpianti con varietà resistenti alla Xylella. Altrimenti è un sacrificio inutile”

Fonti della Commissione Europea confermano che, dalla metà alla fine di giugno, funzionari dell’Esecutivo Ue saranno in Italia per un’ispezione sull’applicazione delle misure di eradicazione della Xylella in Puglia e Toscana.

Nel frattempo il commissario europeo alla Salute e la Sicurezza alimentare, Vytenis Andriukaitis, si dice molto preoccupato- “Io sono pronto a visitare la Puglia non appena il ministro Centinaio mi inviterà”, ha detto Andriukaitis rispondendo a una domanda dell’Ansa sulla sua promessa di recarsi in Puglia in visita ufficiale per fare il punto sull’epidemia del batterio killer degli ulivi.

“Finora non abbiamo trovato la data, ma – ha aggiunto – sarò in carica per altri 5 mesi e voglio andare sul territorio perché sono molto preoccupato per la Xylella fastidiosa”