Xylella, le specie vegetali preferite dai vettori

95

Identificate le specie vettoriali e i loro stadi giovanili preferiti e quelli non preferiti sulla copertura naturale del terreno degli oliveti di Xylella fastidiosa.

La famiglia Aphrophoridae (sputacchine) contiene importanti vettori di Xylella fastidiosa. Negli oliveti, le ninfe di solito si nutrono della vegetazione che ricopre il suolo.
Tuttavia, le informazioni dettagliate sulle loro popolazioni e sulle piante ospitanti/non ospitanti in alcune regioni minacciate dalla Xylella sono molto limitate.

L’obiettivo del lavoro scientifico del Centro de Investigação de Montanha (CIMO), ESA, Instituto Politécnico de Bragança en Portugal e dell’Instituto de Ciencias Agrarias del Consejo Superior de Investigaciones Científicas di Madrid è stato quello di identificare le specie vettoriali, il periodo di sviluppo delle ninfe e delle loro piante erbacee ospiti e non ospiti negli oliveti del nord-est del Portogallo. Le specie vegetali di copertura del suolo sono state identificate come ninfe e piante non ospiti durante la primavera del 2017 al 2019 negli oliveti.

Sono stati registrati il periodo di sviluppo delle ninfe, l’aggregazione delle ninfe e l’altezza di alimentazione preferita delle ninfe di copertura del suolo. La specie più abbondante sulle Aphrophoridae è stata Philaenus spumarius seguita da Neophilaenus sp. Le ninfe si sono sviluppate da aprile all’inizio di maggio e hanno mostrato un basso numero di individui per germoglio (di solito tra uno e tre). Preferivano la parte centrale delle piante.

Il Philaenus spumarius si nutre preferibilmente di Asteraceae e Fabaceae, e il Neophilaenus sp. di Poaceae. Alcune piante abbondanti, come Bromus diandrus (o forasacco), Astragalus pelecinus (o biserrula), Chrysanthemum segetum (o crisantemo campestre), Trifolium spp., Caryophyllaceae e Brassicaceae, sono state difficilmente colonizzate dalle ninfe Aphrophoridae.

Questa conoscenza è fondamentale per la selezione della composizione delle specie della copertura vegetale per ridurre al minimo la presenza di vettori Xylella fastidiosa negli oliveti.

Fonte: www.teatronaturale.it